Storia della Storiografia

History of Historiography - Histoire de l'Historiographie Geschichte der Geschichtsschreibung

Number 19 (1990)

Editorials:

To the Readers (p.3)

Bianca Valota Cavallotti, Saluto ai lettori (p. 5)


Essays:

  • Wolfgang J. Mommsen, Introductory note (p. 11)
  • Masayuki Sato, Historiographical encounters: the Chinese and Western traditionsin turn-of-the century Japan (p. 13)
  • Qingjia Wang, Western Historiography in the People's Republic of China (1949 to the Present) (p. 23)
  • Sartono Kartodirdjo, Main trends in modern Indonesian historiography (p. 47)
  • Sumit Sarkar, Many worlds: the construction of history in modern India (p. 61)
  • Ebiegheri J. Alagoa, The encounter between African and Western historiography before 1800 (p..73)
  • Mumbanza Mwa Bawele, L'évolution de l'historiographie en Afrique centrale: le cas du Zaire (p. 89)
  • Thea Büttner, Aspects and roots of African historiography: the encounter or dialogue with Western historical writings and thinking (p. 111)
  • Guy Martinière, Problèmes du développement de l'historiographie brésilienne (p. 117)
  • Nikita Harwich Vallenilla, National identities and national projects: Spanish American historiography in the nineteenth and twentieth centurles (p. 147)

    Critical notes and reviews.(p. 157)


    Back to the Archive Main Menu
    Back to the Homepage


    TO THE READERS

    The publication of issue no. 19 of Storia della Storiografia coincides with a change in the editorial board.

    This journal was born in 1982 as organ of the International Commission of History of Historiography and has now reached its tenth year of publication. Storia della Storiografia now becomes a fully autonomous journal; its long-standing relations with individual members of the International Commission are of course maintained. This change in the organization of the joumal has involved the arrival of new editors (Georg G. Iggers and Edoardo Tortarolo) and an enlargement of the Editorial Board, and the greater emphasis accorded to Anglophone and Francophone historiography.

    Developments in the international debate have led us to introduce changes which can enable us to respond more rapidly to innovation in historical research. There is a growing interest in the relationship between historiography and social sciences, linguistic aspects of historical reconstruction and the relationship between history and rhetoric, between history, ideologies and the specific idioms in which the latter are expressed, between history and propaganda, just as there is in the forms of historiography, the search for a difficult balance between narrative and analytical or comparative approaches, reflections on historicism, interest in the history of the historical profession and the study of academic structures in relation to state institutions and civil society.

    Storia della Storiografia has always focused more on historical practice than on debate on methodology or the philosophy of history. We intend to maintain this specific feature, but also intend to open the journal to the study of general interpretations, historiographical currents and schools, and methodological and theoretical discussions. We believe it is not advisable to give the journal a rigidly predetermined shape. We will therefore strive to maintain a flexible division of subjects, which will focus on historiography, general reflections on historiographical traditions and schools, portraits of historians, while leaving adequate space for review essays and reviews.

    Our ambition remains that of becoming a forum for scholars of different nationalities and cultures. This journal will try to promote joint initiatives in the form of regular meetings, seminars, special issues on topics of interest to all those who deal with problems of historical research, historical reconstruction and historical writing. This issue of the journal, which includes studies on the relationship between European and non- European historiographical traditions, is an example in this sense. Issue n. 5 (1984) had already tried to present a wide range of contributions on the problem of time and historical memory in some non-European cultures and the way in which historiographical traditions had established themselves in overseas national cultures: from pre-Columbian Mexico to Garcilasso de la Vega's Peru, to nineteenth century Brazil, to Nigeria, Egypt and China between the nineteenth and twentieth centuries. This journal intends to maintain contact with historical research throughout the world, and to act as a forum for a possible transnational historical culture.

    We believe that this represents one of the main ways in which we can enrich our understanding of what history and historiography have been in the development of mankind, i.e. the way in which historical discourse has emerged through the interaction of different factors. These factors can be seen, as Nathalie Zemon Davis has pointed out in her illuminating article, «History's Two Bodies» (American Historical Review, 93, 1 (1988): 1-30), as the dialectic between the historian's conscious involvement in the creation of History and his awareness of his intellectual role as defined by subjective cultural experience. We believe that the history of historiography can contribute to the understanding of this dialectical relationship not only from the point of view of the intellectual biography of individual historians, but also in terms of the definition - through the analysis of historical discourse - of value systems, norms and ideals considered essential for the survival of a given society.

    The renewed interest in the history of historiography (expressed in publications, monographs and journals specifically devoted to this subject) is an encouraging reality and enable us to hope that we will be able to satisfy the actual demands of scholars.

    In conclusion, we would like to thank those who have preceded us in running this journal and all those who will help us to carry out our future projects.

    The Editors


    SALUTO AI LETTORI

    Bianca Valota Cavallotti

    Mentre mi accingo a passar la mano ad altri', per potermi occupare più intensamente dei problemi di storia dell'Europa Orientale, strettamente legati alla cattedra dl CUI sono titolare, desidero riproporre brevemente alcune considerazioni di carattere generale, originate dall'esperienza che abbiamo potuto maturare in questi anni di attività e da una riflessione sui primi 18 numeri di Storia della Storiografia a, agli amici c e con me hanno dato vita a questa bella 'avventura' ed a quelli che sono chiamati a proseguire e migliorare il nostro lavoro.

    E un distacco un po' triste, come sempre avviene quando si lascia una compagnia con la quale Sl è vissuta una esperienza di lavoro e di speranze comuni: dalla discussione per Storia della Storiografia presso il Congresso lnternazionale di Scienze Storiche, alla fondazione di una sua rivista, con l'ambizione di realizzarla in quattro lingue ed il più ampiamente possibile internazionale.

    Ma sempre più vivi e assorbenti si sono fatti, come tutti sappiamo, in questi ultimi anni e in questi ultimi mesi, i problemi di quella metà d 'Europa - fino a ieri compressa

    'Questa nota riprende una parte della relazione da me tenuta in occasione della riunione dell'Assemblea

    Storiche di Storia della Stori ografia svoltasi durante l'ultimo C

    c dedella Rivista e in seno al Direttivood mia sostit

    Ringrazio Beppe Ricuperati

    inc • alian in seno alla commissione di Stona della ;llaS ui candidatura avevo proposto come n ancocertO non solo onorifico, e per aver saputo organizzare intorno alla Rivista, di concerto con l'amico queslosettoredis X ea esp rienza in seno alla Commissione di Storia della Storiografia del CISH, per aver accettato un incarico non certo solo onorifico, e per aver saputo organizzare intorno alla Rivista, di concerto con l'amico e collega Georg G. Iggers - che continuerà a darle il contributo della sua vasta e profonda esperienza in questo settore di studi - un gruppo di giovani e validi storici capitanati da Edoardo Tortarolo, i quali, insieme ai 'vecchi' membri della Redazione Daniele Foraboschi e Giulia Lami, e valendosi della preziosa esperienza di un Comitato Scientifico ampliato e in parte rinnovato, sapranno certamente migliorare e arricchire Storia della Storiografia

    STORIA DELLA STORIOGRAFIA, 19 (1991)

    e resa quasi muta dalla pressione e dal terrore seguiti all'applicazione sovietica degli accordi di Jalta - che cerca ora, finalmente, di riunirsi a noi e di riprendere la costruzione di una vicenda comune. In questo quadro, anche per noi storici il lavoro è immenso: si tratta infatti, per quei paesi, di ripensare quasi integralmente un passato scritto per quasi cinquant'anni con spirito fazioso e con metodi di ricerca spesso inaccettabili, di contribuire alla rinascita anche riconoscendo e facendo conoscere i progetti, i successi e gli errori compiuti nel corso del processo di modernizzazione e di democratizzazione cosi faticosamente avviato all'Est nel corso dell'ultimo secolo. un processo rimosso e dimenticato per tanti suoi aspetti e per tanti suoi valori fondamentali sotto la dittatura dei regimi comunisti. Un processo nel quale, come vuole del resto una ormai consolidata tradizione dell 'Europa Centro-Orientale, anche lo storico è profondamente e personalmente impegnato.

    In questo contesto si colloca la mia decisione: gli impegni nuovi degli ultimi tempi, che non mi hanno permesso di dedicarmi quanto avrei desiderato a questa Commissione, sono per me prioritari, quasi un dovere civile - e non solo scientifico - viste anche le mie origini per metà orientali.

    Durante questo viaggio decennale percorso insieme, cercando idee e mezzi materiali per una Rivista nuova, che ci sembrava originale e utile - sebbene il panorama che ci stava intorno mostrasse migliaia di pubblicazioni nascere e morire ogni anno - e poi cercando di darle una linea che in qualche modo rispondesse alle nostre intenzioni, molti sono stati gli amici che abbiamo incontrato. Alcuni di loro, membri del Comitato scientifico, sono in questi anni scomparsi, dopo aver dato un importante contributo alla nostra attività. Voglio ricordarli: Militsa Vasilievna e Geoffrey Barraclough per primi, l'una studiosa nota in URSS per i suoi lavori nel campo della storia della storiografia, che si è preoccupata di far sl che la storiografia sovietica, in un periodo cosi difficile come gli anni trascorsi, potesse comunque essere presente all'interno delle organizzazioni internazionali degli storici; l'altro, personaggio di spicco della storiografia internazionale, assai attento ai problemi di metodo, che ha proposto una revisione delle periodizzazioni della storia contemporanea.

    E' poi scomparso Arnaldo Momigliano, il cui contributo prezioso nei diversi campi della nostra disciplina - e non solo in quello della storia antica - la cui straordinaria vitalità, unita alle conoscenze enciclopediche e all'acutezza del giudizio, hanno costituito un punto di riferimento per tutti noi e ci hanno agevolato collaborazioni sul piano internazionale nei campi più svariati.

    E ' infine recentemente mancato Karl-Dietrich Erdmann, che, come presidente del CISH al momento della costituzione della nostra Commissione, svolse sin dall'inizio un ruolo di grande rilievo per la sua attività; Erdmann, il cui impegno storiografico, la cui vasta apertura d'orizzonti, la cui ricca esperienza internazionale e il CUI desiderio di sintesi nello spirito di quella Ecumene degli storici alla quale ha dedicato poco tempo fa un libro importante, sono stati estremamente utili per la commissione e per una Rivista come la nostra, che si è proposta, appunto, di essere lo specchio delle differenti tendenze e dei mille modi di lavorare degli storici, in tutto il mondo.

    A questi amici vanno il nostro ricordo e la nostra gratitudine.

    Ma torniamo a Storia della storiografia. che come ho appena notato, non ha inteso essere una rivista 'di tendenza'. Ci sono state sull'argomento approfondite discussioni; e mi sembra che le conclusioni cui siamo pervenuti siano le più ragionevoli per la nostra pubblicazione, che è stata fino ad ora organo della Commis- sione Internazionale di Storia della Storiografia del CISH.

    Proprio grazie a questa impostazione i nostri lettori, accanto a saggî collegabili alle più conosciute e collaudate correnti 'tradizionali' delle storiografie europee, hanno potuto leggere i lavori di studiosi asiatici o africani o sudamericani. E non è un caso che il tema da noi scelto quest'anno per i lavori della sezione riservata nell'ambito del Congresso all'attività della nostra Commissione sia stato quello del dialogo e del rapporto fra storiografie europee ed extra-europee: un 'Leitmotiv' della Rivista, che ha sempre cercato di farsi espressione di una comunità intera - quella degli storici con le sue vanità, i suoi problemi, le sue differenze profonde, senza limitare la libertà di ognuno di cercare e di illustrare il proprio particolare percorso scientifico.

    Certo, anche per questa, come per tutte le riviste che si prefiggono obiettivi simili il lavoro non e stato agevole e ha corso talvolta su binari in cui i criterî di valutazione dei lavori proposti alla pubblicazione e le logiche con cui si scelgono i temi portanti SUI quali incentrare le discussioni non potevano essere solamente i nostri più tradizionali, quelli ai quali la grande e antica scuola della storiografia europea ci ha avvezzati. Talora, vorrei anzi dire, si è preferito correre il rischio di pubblicare anche lavori migliorabili o perfino discutibili sul piano metodologico e tecnico, pensando che fosse comunque importante far conoscere una varietà di esperienze e di voci E solo l'affiatamento, l'umana simpatia e le comuni convinzioni di fondo dei diversi membri della Direzione della Rivista hanno fatto si che fosse sempre possibile malgrado le differenti sensibilità di ognuno, trovare criterî di scelta e di comportamento soddisfacenti . Una strategia di questo tipo, a ben vedere, è importante anche per noi se vogliamo infine comprendere come certi nostri lavori potranno venir letti compresi e utilizzati al di fuori delle sedi più 'tradizionali' delle Università europee.

    Per poter dare l'occasione di fare il punto su questioni particolarmente significative, o specialmente sentite dalla nostra disciplina, si è adottato frequentemente il criterio dei numeri tematici. Si sono così visti numeri molto interessanti, come ad esempio quelli su «Umanesimo e umanità in una prospettiva storica», «Storia narrativa e storia strutturale», «L'immaginario in storia», o come quelli dedicati a «Erodoto» o ad Arnaldo Momigliano, o, ancora, come gli ultimi -penso in particolare al numero 17, dedicato ad una riflessione sui nuovi approcci alla storia sociale.

    La Rivista, poi, si è tradizionalmente organizzata attraverso Sezioni speciali, sulle qua]l, a conclusione di questa mia esperienza, desidero soffermarmi per qualche istante Accanto alle 'Note informative' sull'attività del nostro settore di studi, ad esemplo, abbiamo lavorato alla sezione dei 'Dibattiti', con risultati che tuttavia hanno risentito un po' del fatto che non è agevole, con una rivista semestrale, e con i tempi con cui siamo avvezzi a lavorare, attivare un vero e proprio dibattito a più voci su un problema, anche se importante. Penso tuttavia che siano emersi spunti interessanti (mi riferisco, ad esempio, alla discussione a suo tempo avviata sulla tendenza ad una attualizzazione del Medioevo), e ritengo che - insistendo nella stessa direzione potrebbe valer la pena di riprendere e sviluppare il lavoro impostato per il dibattito