IL PROGETTO SULLO STUDIO DELLA SHOAH IN RETE

Il lavoro di schedatura dei siti che da qualunque prospettiva tocchino il tema della deportazione - siano essi siti di associazioni, famiglie ebraiche o siti dedicati al revisionismo storico della Shoah- è nato durante il corso di Storia Contemporanea del professor Brunello Mantelli, tenuto nell'anno accademico 2003/2004 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Torino.

Il gruppo di lavoro costituitosi ha "scandagliato" per settimane la rete, tentando di individuare, tra i milioni di siti che avrebbero potuto far parte dell'analisi, i rappresentanti che potevano sembrare più interessanti. I primi passi sono stati mossi dai motori di ricerca, in particolare Google, in cui abbiamo inserito termini di ricerca sempre più specifici (Shoah, Shoa, Holocaust, Restitution,...) e cercando di individuare siti di lingue e nazionalità diverse, ma soprattutto di diverse tipologie: on line abbiamo trovato siti dedicati agli ex campi di concentramento, ora memoriali, come pure siti dei musei dell'Olocausto o ipertesti curati da scuole superiori o ancora siti di associazioni di qualsiasi genere. 

Delineato un profilo abbastanza preciso delle tipologie di siti riguardanti la Shoah presenti sull'Internet, si è proceduto a suddividerle così come le abbiamo riportate nel menù qui a sinistra:

  • Siti accademici

  • Siti museali

  • Siti di associazioni

  • Siti di scuole

  • Siti revisionisti

  • Siti familiari

  • Siti sulle restituzioni

  • Siti sui processi

In ognuna delle sezioni loro dedicate, abbiamo indicato in che modo si è stabilita l'appartenenza di un sito ad uno di questi gruppi. Ognuno dei componenti del gruppo di lavoro ha stilato un elenco di siti, preferibilmente appartenenti ad una o più categorie, di cui si sarebbe occupato.

Un modello di schedatura, elaborato dal gruppo di lavoro sui “siti italiani di storia contemporanea” coordinato da Antonino Criscione, Serge Noiret, Carlo Spagnolo e Stefano Vitali e già applicato nell’ambito di una ricerca sul tema avviata nel 2002 nell’ambito delle attività dell’Istituto per i Beni Culturali (IBC) della Regione Emilia-Romagna (cfr. Antonino Criscione, Serge Noiret, Carlo Spagnolo, Stefano Vitali [a cura di], La storia a(l) tempo di Internet. Indagine sui siti italiani di storia contemporanea 2001-2003, Bologna, Pàtron, 2004), è stato modificato per quest'analisi, e tramite l'elaborazione delle nostre "recensioni", pubblicate in questo ipertesto, abbiamo tentato di redigere una guida "critica" alla Shoah in Rete.