CARMINE COPPOLA

 

 

Carmine Coppola  arrivò in America, più precisamente a New York, dal sud dell’Italia nel 1904 insieme al padre e a sei fratelli.

Incominciò a suonare il flauto all’età di otto anni. Studiò, grazie ad una borsa di studio, alla Julliard.

Da qui mosse i primi passi verso la sua futura carriera da musicista, poi approdò alla radio che fu il vero e proprio trampolino di lancio. Dal ’41 al ’51 suonò come primo flauto nell’Arturo Toscanini’s NBC Symphony, al tempo una delle migliori orchestre d’America.

Nel ’67, quando ormai la sua carriera era consolidata, collaborò per la prima volta con il figlio Francis  in uno dei suoi primissimi film. La prima vera ed importante collaborazione con Francis avvenne per “Il padrino” nel ’71. Da questo felice episodio Carmine comprese quale fosse la sua vera direzione artistica: le colonne sonore.

Fu infatti compositore di innumerevoli musiche per film; ricordiamo: “The black stallion”, la trilogia de “Il padrino”, “The outsiders”, “Garden of stone” e “Apocalypse now”, quest’ultima scritta con la partecipazione di Michey Hart (batterista dei Greatfull dead). Tutti film del figlio, fatta eccezione per “Black stallion” dove però Francis era il produttore.

Carmine vinse un oscar in collaborazione con Nino Rota per le musiche de “Il padrino parte II” e ricevette una nomination per la miglior canzone con “Promise me you’ll remember” tratta dal film “Il padrino parte terza.

Carmine morì nel 1991.

 

Galleria Fotografica

      La musica