Articolo precedente Pagina iniziale Artifara n. 2 - Sezione Scholastica Sezioni di Artifara Articolo seguente

 

Lessico e grammatica del linguaggio giornalistico dell'economia

Lisa Manassero

Il linguaggio dell'informazione economica è un linguaggio settoriale e come tale è stato analizzato secondo molteplici punti di vista. La letteratura a riguardo riporta, infatti, pareri differenti, talvolta persino opposti fra loro: alcuni autori, seguendo il pensiero di Spillner, affermano che i linguaggi specialistici sono del tutto autonomi dalla lingua comune e hanno caratteristiche lessicali e sintattiche proprie; altri, invece, ritengono che le analogie con il linguaggio generale siano tali da giustificare la negazione di ogni specificità formale.
Inoltre, se per alcuni linguisti i linguaggi settoriali sono così specifici che un lettore laico non riesce a comprenderli, per altri proprio questa formalizzazione costituisce la loro peculiarità ed è la condizione che sottolinea la differenza dal linguaggio comune.

Tutto ciò dimostra come gli studi a riguardo siano fortemente controversi; le difficoltà riguardano soprattutto l'estensione dei fenomeni che si possono osservare e di conseguenza la possibilità di generalizzazione che si rischierebbe di attribuire alle conclusioni raggiunte: i risultati riscontrati in un settore come quello giornalistico economico, non potrebbero essere riferibili in modo immutato ad altri settori.

La mia ricerca prende in esame proprio il linguaggio giornalistico-economico, attraverso l'analisi di articoli del quotidiano Cinco Días, una pubblicazione di nicchia, dato il pubblico a cui è rivolto: imprenditori e dirigenti con un'ampia formazione umanistica e alte cariche dell'Amministrazione Pubblica (secondo un'inchiesta il lettore di 5D è un uomo tra i 26 i 44 anni, di classe sociale medio-alta, che possiede una laurea).
Lo studio è realizzato su ventotto articoli, per un campione totale di 20705 parole; per ogni articolo è stata compilata una scheda, sviluppata secondo tre criteri generali di tipo quantitativo: organizzazione del testo, classificazione lessicale e analisi sintattica. È stato poi realizzato un approfondimento su tutti gli aggettivi, avverbi e verbi per individuare l'appartenenza a differenti campi semantici e per determinarne la frequenza nell'uso.



ORGANIZZAZIONE TESTUALE


Tutti e ventotto gli articoli di Cinco Días riportano il titolo, ma soltanto 22 possiedono un sottotitolo e 19 hanno anche uno o più sottotitoli lungo lo sviluppo del testo (in media 1.5). Il primo paragrafo di ogni articolo ne riassume sinteticamente il contenuto ed è sempre redatto in grassetto, tranne in un'unica eccezione, un editoriale, in cui non compare.
In media un articolo è formato da 11 paragrafi, 27 frasi e 739 parole. I paragrafi sono composti mediamente da 2.5 frasi e le frasi, a loro volta, da 27.68 parole.



ANALISI LESSICALE


I nomi propri rappresentano una piccolissima parte del linguaggio analizzato: sono solamente l'1.27%, mentre i sostantivi appaiono in quantità più considerevole, il 21.27%.
Gli aggettivi costituiscono il 10.13% del linguaggio totale e si dividono pressoché a metà secondo la loro posizione, infatti il 48.09% precede il sostantivo cui si riferisce e il 52.33% lo segue.
I pronomi raggiungono il 4.11%.
Complessivamente la percentuale delle componenti nominali sul totale del lessico è il 37.79%.

Le forme verbali costituiscono il 10.82% del totale del lessico, ma l'incidenza varia considerevolmente secondo il tempo verbale analizzato: per questo motivo è stato utile calcolare la percentuale di ogni tempo verbale sul totale dei verbi analizzati.
Il più ricorrente è il presente indicativo, con una percentuale del 39.89%; tra i passati, il pretérito perfecto rappresenta il 7.58%, il pretérito imperfecto il 5.44%, il pretérito indefinido il 10.74% e il pretérito pluscuamperfecto soltanto lo 0.4%. Il futuro costituisce il 4.19% del totale delle forme verbali, invece il futuro perfecto è un esiguo 0.04%; il condicional simple rappresenta l'1.96%.
Tra le forme del congiuntivo la più significativa è quella del presente, 4.55%, mentre il perfecto raggiunge appena lo 0.17%, l'imperfecto lo 0.71% e il pluscuamperfecto lo 0.04%.
L'infinito è sicuramente la più importante delle forme impersonali: è il 22.4%, contro lo 0.04% dell'infinitivo compuesto e l'1.69% del gerundio.
La percentuale complessiva delle forme verbali sul totale del lessico è il 10.82%.

Delle parti invariabili della frase le preposizioni sono quelle che ricorrono più spesso, raggiungendo il 17.64%, mentre le locuzioni preposizionali solo lo 0.04%. Gli avverbi rappresentano il 4.36% del lessico totale, invece le locuzioni avverbiali appena lo 0.65%. Le congiunzioni, poi, sono il 3.7% e le locuzioni congiunzionali solo lo 0.04%. Infine, gli articoli determinativi con l'11.35% sorpassano di gran lunga gli articoli indeterminativi con il 2.32%.
Le parti invariabili della frase rappresentano il 40.81% del lessico totale.

Le componenti numeriche sono percentuali, 1.16%, cifre, 1.19%, e date, 0.51%; nell'insieme costituiscono appena il 2.88% del lessico totale.

I nomi di imprese, titoli di borsa raggiungono il 5.33%, i nomi di istituzioni l'1.3%, i nomi di luogo l'1.11%, mentre i nomi di prodotti solo lo 0.32%; globalmente rappresentano l'8.08% del totale del lessico.

L'1.21% è la percentuale delle sigle, il cui 68.65% viene dato per conosciuto dall'autore dell'articolo, l'11.9% viene enunciato per intero, il 7.53% viene introdotto tra parentesi e il restante 12.3% viene ripetuto nel testo dopo essere stato enunciato per intero una prima volta.

Le parole straniere sono appena lo 0.12% e i neologismi (ad esempio, pymes, autoliquidación, miniconsejo, dolarizar) lo 0.05% del lessico totale.

Gli errori di stampa costituiscono un'esigua percentuale: lo 0.06%; i tecnicismi raggiungono il 10.98%.

Per le 47 figure retoriche (2 iperboli, 1 sineddoche, 1 antonomasia, 17 eufemismi e 26 sensi figurati) è stato utilizzato lo 0.67% del lessico totale.

Nel complesso degli articoli si sono presentati 57 casi di discorso diretto e indiretto e 24 casi di parole o frasi riportate fra virgolette.

In conclusione, l'analisi lessicale ha permesso di definire la seguente classificazione:

Classificazione lessicale



ANALISI SINTATTICA


Le frasi complesse, 531, di cui una con verbo principale sottointeso, superano le frasi semplici, 312; 33 frasi semplici sono nominali.
Nel complesso le frasi semplici rappresentano il 37.01% del totale delle frasi analizzate e quelle complesse il 62.98%.

Per quanto riguarda la paratassi, le copulative, introdotte da y, sono 85 (76.57% del totale delle coordinate), le disgiuntive, introdotte da o, 4 (3.6%), e le avversative, introdotte da pero, en tanto que, mientras que, sino, si bien, 22 (19.81%).

Per l'ipotassi, invece, le relative, in totale 416, rappresentano ben il 54.66% del totale delle subordinate. La maggior parte, 68.99%, sono di 1° grado, mentre il 23.07% è di 2° grado, il 6.25% di 3° grado, l'1.44% di 4° grado e appena lo 0.24% di 6° grado. Sono introdotte dai pronomi que, cual, cuyo e dall'avverbio donde.

Le oggettive sono il 18.39% del totale delle subordinate; la maggioranza, il 77.85%, è di 1° grado, il 20% di 2° grado, l'1.42% di 3° grado e solo lo 0.71% di 5° grado, tutte introdotte dalla congiunzione que.

Le soggettive, introdotte dalla congiunzione que, costituiscono solo il 2.62% delle subordinate totali. Ben il 90% sono di 1° grado, il 5% è di 3° grado e il restante 5% di 4° grado.

Le temporali rappresentano il 5.38% del totale delle subordinate; l'87.8% è di 1° grado e il 12.19% di 2° grado. Sono introdotte da mientras, antes de que, desde que, aún, ahora que, a la vez, cuando, tras, a medida que, en tanto que, luego, después, después de que, en cuanto, cada vez que, hasta que e siempre que.

Il 5.12% è la percentuale delle finali, introdotte da para e para que, sulle subordinate totali. Il 79.48% sono di 1° grado, il 15.38% di 2° grado e il 5.12% di 3° grado.

Le causali rappresentano il 4.07% del totale delle subordinate. La maggior parte, il 77.41% è di 1° grado, il 12.9% di 2° grado e il 3.22% rispettivamente per il 3°, 4° e 5° grado. Sono introdotte da por, porque, pues, ya que e como.

Le concessive, introdotte da aunque, por cuanto, en caso de que e pese a, sono soltanto il 2.75% delle subordinate totali; il 95.23% è di 1° grado e solo il 4.76% di 2° grado.

Le ipotetiche, tutte introdotte dalla congiunzione si, rappresentano il 2.36% del totale delle subordinate; il 94.44% sono di 1° grado e il restante 0.05% di 2° grado.

L'1.7% delle subordinate totali è la percentuale delle modali: il 92.3% delle quali è di 1° grado e il 7.69% di 2° grado. Sono introdotte da según, como e así.

Le interrogative indirette rappresentano l'1.31% del totale delle subordinate. Sono introdotte da si, qué, dónde, cuántas e cuál; il 90% è di 1° grado e il10% di 3° grado.

Le consecutive, introdotte da tal y como, (tal) que, (así) que, pues, de modo que e de manera que costituiscono un esiguo 1.18% delle subordinate totali e sono tutte di 1° grado.

Infine, il restante 0.39% del totale delle subordinate è rappresentato dalle comparative, tutte di 1° grado, introdotte da así como e (más) que.

Per riepilogare, l'analisi sintattica ha permesso di stilare la seguente classificazione delle proposizioni delle frasi complesse:

Tipo di relazione fra le proposizioni

Lo studio della gradazione delle frasi subordinate ha permesso di raggiungere la seguente conclusione:

Grado di subordinazione

Infine, potrebbe essere interessante riprodurre in un unico grafico comparativo i dati delle subordinate secondo le tre variabili: tipo, quantità e grado.


Grafico comparativo ipotassi



CAMPI SEMANTICI


L'analisi lessicale ha permesso di determinare a quali categorie semantiche appartengono i sostantivi, gli aggettivi, i verbi e gli avverbi che ricorrono negli articoli. La divisione in campi semantici non pretende, in ogni caso, essere inconfutabile, anzi ha carattere soggettivo e arbitrario.

- Sostantivi

Per quanto riguarda i sostantivi, è sufficiente sottolineare che ne sono stati contati 4875, il cui 5.39% sono nomi propri di persona.

- Aggettivi

Gli aggettivi dei testi analizzati sono 556 e si ripetono per un totale di 2098 presenze; fra i più ricorrenti troviamo i possessivi, i dimostrativi, i numerali e gli indefiniti.

quantità POSSESSIVI DIMOSTRATIVI NUMERI IN/DEFINITI
Oltre 100 su este    
Tra 20 e 50     dos
prim/ero
último
otro
mismo
Tra 10 e 19   ese segundo  
Tra 5 e 9 nuestro
propio
  tres
ocho
tercero
 
Meno di 5   aquel cinco
seis
cuatro
siete
cuarto
doble
nueve
porcentual
tal

Ad altre categorie piuttosto significative appartengono gli aggettivi distributivi, quelli che si riferiscono alla posizione nel tempo e alle dimensioni del proprio referente.

quantità DISTRIBUTIVI TEMPO DIMENSIONI
Tra 20 e 49 todo
cada
nuevo
pasado
mayor
gran/de
Tra 10 e 19 unos
algún
anterior
actual
próximo
 
Tra 5 e 9 ambos
cualquier
  alto
bajo
máximo
medio
menor
similar
Meno di 5 ningún
demás
ex
posterior
instantáneo
siguiente
continuo
inmediato
preliminar
previo
consecutivo
existente
final
futuro
inicial
presente
preventivo
transitorio
adecuado
amplio
total
contraído[2]
corto
creciente
dividido
largo
pequeño
proporcionado
abismal
enorme
homólogo
igual
inferior
mermado
normal
parcial
profundo
prominente
regular

Sono state poi definite le categorie degli aggettivi legati al mondo dell'economia, alla geografia (in cui quasi tutti si riferiscono alla nazionalità) e all'importanza nelle sue molteplici sfumature.

quantità ECONOMIA GEOGRAFIA IMPORTANZA
Tra 20 e 49 económico español
argentino
internacional
 
Tra 10 e 19 tributario
financiero
laboral
fiscal
estadounidense
europeo
local
nacional
principal
general
importante
Tra 5 e 9 crediticio
inmobiliario
mercantil
irlandés
mundial
suizo
alemán
británico
transatlántico
 
Meno di 5 bursátil
comercial
coyuntural
participado
sintético
vendido
bancario
comercializado
comprado
cotizado
hipotecario
industrial
activo
adicional
alcista
competitivo
contratado
inmueble
privado
recaudatorio
sectorial
solvente
adquirido
alimenticio
anticompetitivo
asegurador
bajista
calculado
cambiario
contable
corporativo
endeudado
fabricado
facturado
gratuito
importado
industrializado
inflacionista
logístico
millionario
monopolístico
negociado
pasivo
patrimonial
patronal
pecuniario
prestado
producido
profesional
rentable
societario
subcontratado
andino
catalán
comunitario
dublinés
extranjero
germana
interior
latinoamericano
luxemburgués
suramericano
vasco
intracomunitario
andaluz
asiático
brasileño
hispano
inglés
islámico
madrileño
mexicano
neoyorquino
necesario
básico
grave
marcado
provisional
significativo
celebrado
conocido
dependiente
desconocido
emergente
especial
estimado
excepcional
fundamental
particular
tradicional
útil
álgido
asequible
considerable
extraordinario
mayoritario
óptimo
pertinente
popular
probable
relevante
simbólico
sorprendente
unánime
valorado
vanagloriado

Inoltre, sono stati classificati gli aggettivi legati al mondo legislativo e amministrativo, al campo della teconologia e, in particolare, dell'informatica, quelli di quantità e, da ultimi, gli aggettivi legati alla sfera delle percezioni sensoriali.

quantità LEGGE/
AMMINISTRAZIONE
INFORMATICA
E TECNOLOGIA
QUANTITA' PERCEZ.
SENSOR.
Tra 10 e 19 público operativo
empresarial
informático
mucho buen/o
Tra 5 e 9 legal electrónico variable  
Meno di 5 administrativo
estatal
sancionador
decretado
jurídico
legislativo
abusivo
acusado
democrático
denunciado
formalizado
gobernante
gubernamental
infractor
institucional
oficial
recurrido
refrendado
sancionado
digital
tecnológico
virtual
inalámbrico
interactivo
web
clónico
elaborado
multicanal
multimedial
ofimático
telefónico
global
mínimo
poco
nulo
insignificante
suficiente
tanto
único
absoluto
abundante
completo
cuantitativo
exacto
extendido
frecuentado
inimaginable
integral
numeroso
real
positivo
malo
negativo
erróneo
físico
material
visual

Infine, sono state identificate le categorie degli aggettivi legati all'idea della guerra, incluso il terrorismo, alle qualità fisiche, alla posizione nello spazio e al concetto di difficoltà in tutte le sue gradazioni.

quantità GUERRA QUALITA'
FISICHE
SPAZIO DIFFICOLTA'
Tra 10 e 19 terrorista fuerte superior posible
Tra 5 e 9     móvil
domiciliado
mejor
Meno di 5 bélico
estratégico
respaldado
apocalíptico
asediado
bombardeado
explosivo
militar
salteado
imperfecto
debil
rápido
anímico
atractivo
bonito
bruto
carente
debilitado
envejecido
hibrido
vigoroso
fijo
cercano
opuesto
avanzado
elevado
exterior
externo
intermedio
lejano
orientado
subyacente
aparte
apoyado
basado
centrado
central
estable
implantado
interno
mediano
paralelo
difícil
previsto
simple
cierto
claro
imposible
incompleto
parecido
peor
aleatorio
complejo
fácil
implícito
improbable
inexacto
previsible
puesto
verdadero

- Verbi

I verbi che si presentano negli articoli sono 584 per un totale di 2281 forme verbali. Tutti quelli che non potevano rientrare nelle categorie stabilite sono stati classificati secondo il concetto di concretezza o astrazione; troviamo poi i verbi di movimento e quelli che si riferiscono alla sfera del "fare, creare".

quantità CONCRETI ASTRATTI MOVIMENTO FARE/
CREARE
Tra 50 e 99 tener poder    
Tra 20 e 49 haber
anotar
deber ir
llegar
subir
volver
hacer
Tra 10 e 19 presentar
mantener
contar
evitar
asegurar
querer
confirmar
seguir
llevar
poner
crear
Tra 5 e 9 celebrar
encontrar
mostrar
indicar
saber
registrar
reconocer
lograr
esperar
necesitar
prever
tratar
depender
destacar
garantizar
provocar
ascender
proceder
superar
caer
pasar
avanzar
bajar
salir
realizar
acumular
utilizar
depositar
instalar/se
tomar
recuperar
generar
Meno di 5 conocer
disponer
servir
simular
afectar
cubrir
detectar
firmar
jugar
medirse
pertenecer
solucionar
demostrar
funcionar
guardar
incumplir
participar
perjudicar
surgir
suscribir
traducir
absorber
acarrear
aportar
bastar
buscar
conservar
contactar
cursar
desprender
encender
encumbrar
escoger
estudiar
exceder
exihibir
figurar
hallar
imitar
inaugurar
inscribir
limitar
marcar
nacer
notificar
resumir
sortear
transcribir
trasmitir
velar
significar
apostar
reclamar
suceder
asumir
atenerse
contemplar
corresponder
denominar
describir
formular/se
identificar
incurrir
merecer
preocupar
solicitar
tardar
tolerar
asesorar
atrever
complicar
convenir
desconocer
discutir
divulgar
extremar
implicar
peligrar
polarizar
propiciar
requerir
resentir
respetar
soler
suscitar
temer
urgir
descender
empujar
entrar
lanzar
partir
retroceder
venir
acercar
frenar
ingresar
acelerar/se
adelantar
correr
enviar
levantar
marchar
recurrir
saltar
tirar
versar
alejar
aproximar
arrancar
arrojar
atravesar
conducir
desembarcar
desembocar
dirigir
entregar
escalar
escapar
explorar
huir
moverse
navegar
oscilar
ralentizar
rebotar
retornar
sacar
traer
visitar
volar
retraer
colocar
intentar
recoger
situar/se
usar
centrar
dedicarse
establecer
manejar
pesar
reportar
aliviar
apoyar
descargar
ejecutar
experimentar
formar
inclinar
practicar
trabajar
actuar
apuntalar
barrer
basar
cargar
componer
consumir
desatar
desempeñar
desinflar
distribuir
efectuar
ejercitar
elaborar
emprender
enfriar
enmarcar
erigir
escenificar
fijar
habilitar
homologar
imprimir
impulsar
intercambiar
ligar
matizar
meter/se
pegar
preparar
remeter
repetir

Altri verbi appartengono alla sfera dell'atto comunicativo; altri ancora fanno riferimento al concetto della trasformazione, del subire o apportare modifiche. Vi sono poi quelli legati al mondo dell'economia e alla sfera decisionale.

quantità DIRE MODIFICAR/SI ECONOMIA DECISIONI
Tra 10 e 19 explicar
decir
creer
crecer ganar
comprar
sumar
permitir
Tra 5 e 9 añadir
apuntar
considerar
señalar
proponer
advertir/se
anunciar
pedir
convertir/se
cambiar
mejorar
incrementar
reducir/se
revalorizar
aumentar
vender
ceder
compensar
gestionar
invertir
negociar
pagar
producir
valer
resolver
imponer
insistir
pretender
Meno di 5 aclarar
comunicar
declarar
hablar
responder
constatar
llamar
preguntar/se
pronunciar
quejarse
rectificar
admitir
afirmar
argumentar
avisar
clamar
comentar
concebir
criticar
debatir
definir
desmentir
dictar
exponer
expresar
ilustrar
interrumpir
intervenir
mencionar
recalcar
rechazar
revelar
subrayar
sugerir
telefonear
restar
reunir
compartir
desarrollar
interponer
redondear
reforzar
regular
renovar
resultar
ajustar
alegar
ampliar
completar
diversificar
elevar/se
empeorar
extender
introducir
modificar
rellenar
revisar
actualizar
adaptar
agilizar
agrupar
alargar
armonizar
calar
canalizar
cortar
cuadrar
deshacer
deteriorar
dinamizar
disminuir
duplicar/se
encrespar
enderezar
equilibrar
expandir
fracasar
fraccionar
fusionar/se
ocultar
optimizar
proporcionar
quitar
rebajar
recortar
reparar
simplificar
unir
analizar
abonar
competir
costar
rondar
valorar
adquirir
beneficiar
cifrar
contraer
cotizar
descontar
devaluar
abaratar
acaparar
ahorrar
asumir
calcular
cobrar
comercializar
concurrir
contratar
depreciar
dolarizar
domiciliar
fabricar
financiar
gastar
importar
indemnizar
librar
liquidar
multiplicarse
rebajar
recaudar
rescatar
influir
obligar
optar
autorizar
determinar
exigir
favorecer
adoptar
oponer/se
suspender
conformar
facilitar
impugnar
inspirar
instruir
mandar
mediar
motivar
prorrogar
recomendar
repercutir
supeditar
vacilar

Alcuni verbi sono legati all'ambito militare e legislativo; altri al concetto di opinione e al mondo dell'informatica.

quantità "GUERRA" OPINIONE LEGGE INFORMATICA
Tra 10 e 19 perder suponer    
Tra 5 e 9 defender
eliminar
abandonar
aceptar
decidir
negar
   
Meno di 5 amenazar
afrontar
enfrentar
disparar
acusar
atacar
culpar
someter
acordar/se
alertar
amedrentar
apoderar
contrarrestar
dañar
dominar
estallar
minar
neutralizar
rastrear
retar
retirar
vencer
plantear
aprobar
aprovechar
apreciar
reflejar
abordar
comprobar
convencer
desear
dudar
recordar
abstenerse
acreditar
adherir
calificar
chocar
confiar
diferir
estimar
extrañar
meditar
minimizar
olvidar
presumir
sostener
denunciar
representar
votar
encargar
moderar
presidir
prohibir
sentenciar
constituir
coordinar
elegir
formalizar
integrar
manifestar
perseguir
procesar
promover
reformar
regularizar
reinar
renegociar
vigilar
violar
activar
conectar
interconectar

La categoria più numerosa è senza dubbio legata al verbo essere. Sono stati poi catalogati i verbi collegati alla percezione sensoriale, agli opposti concetti di dare e ricevere e altri che fanno riferimento alla medicina.

quantità MEDICINA SENSI ESSERE DARE OTTENERE/
RICEVERE
Oltre 200     ser    
Tra 50 e 99     estar    
Tra 20 e 49       dar  
Tra 10 e 19   ver parecer dejar
ofrecer
recibir
Tra 5 e 9     existir aplicar
conceder
obtener
alcanzar
conseguir
Meno di 5 ayudar
contagiar
sufrir
animar
suministrar
acudir
agravar
operar
padecer
paliar
paralizar
revitalizar
suprimir
aparecer
entender
alardear
amagar
enfocar
enterarse
mirar
observar
consistir
vivir
asemejar
constar
sembrar
adjudicar
dotar
tramitar
deparar
destinar
regalar
restituir
percibir

Infine, le ultime categorie dei verbi che riflettono l'idea di includere o escludere, di aprire o chiudere, del terminare e che esprimono un'azione imperfettiva.

quantità INCLUDERE/
ESCLUDERE
APRIRE/
CHIUDERE
TERMINARE AZIONE
IMPERFETTIVA
Tra 10 e 19 quedar      
Tra 5 e 9 incluir acceder
cerrar
impedir
acabar
cumplir
empezar
Meno di 5 descartar
coincidir
abarcar
caber
concentrar
excluir
acoger
abrir
bloquear
atajar
terminar
cesar
concluir
finalizar
parar
continuar
durar
permanecer
reiniciar

- Avverbi

Sono stati catalogati 112 avverbi, fra cui 50 formati dal femminile di aggettivi più il suffisso -mente e considerati come categoria a parte, per un totale di 903 presenze.

Fra i più ricorrenti troviamo gli avverbi di modo e quantità, poi quelli di tempo, luogo e gli aggiuntivi.

quantità TEMPO MODO LUOGO QUANTITA' AGGIUNTIVI
Tra 50 e 99   como[3]
según
  más  
Tra 20 e 49 ya
ayer
    sólo
muy
 
Tra 10 e 19 ahora
aún
hoy
cuando
así donde tan/to
menos
casi
también
además
incluso
Tra 5 e 9 todavía
siempre
antes
después
entonces
dentro
  dentro mucho
poco
 
Meno di 5 apenas
nunca
entretanto
luego
tarde
adelante
jamás
mientras
recién
temprano
bien
mal
bajo
cerca
sobre
allí/ahí
detrás
fuera
adelante
allá
alrededor
atrás
lejos
cuanto
demasiado
aun
inclusive
tampoco

Sono molto frequenti anche gli avverbi di negazione e affermazione, quelli che introducono un'ipotesi e una comparazione.

quantità NEGAZ./AFFERMAZ. IPOTESI COMPARAZIONE
Oltre 100 no quizá  
Tra 50 e 99   acaso como
Tra 5 e 9 ni
si
   
Meno di 5   quizá
acaso
tal

Per gli aggettivi che con il suffisso -mente formano avverbi sono stati identificate le categorie di tempo, qualità, importanza, legge e amministrazione.

quantità TEMPO QUALITA' IMPORTANZA LEGGE/AMMIN.
Tra 5 e 9 actual
final
  especial
principal
 
Meno di 5 recién
continuo
costante
diario
inicial
inmediato
remoto
temporal
nuevo
automático
alto
fuerte
negativo
rápido
total
mero
significativo
general
aproximado
exclusivo
extremado
fundamental
mayoritario
parcial
probable
único
legal
oficial
político
reglamentario

Infine, gli aggettivi che indicano precisione, referenza e previsione.

quantità PRECISIONE REFERENZA PREVISIONE
Tra 5 e 9   respectivo  
Meno di 5 preciso
real
claro
concreto
directo
efectivo
estricto
práctico
tajante
radical
relativo inevitable
potencial
previsible



IL CONFRONTO CON IL LINGUAGGIO GIORNALISTICO COMUNE


Per rendere ancora più evidenti le particolarità del linguaggio utilizzato negli articoli economici, potrebbe essere efficace confrontarlo con il linguaggio giornalistico di carattere generale, comune, e successivamente con il suo corrispondente italiano: a tale proposito sono stati esaminati, seguendo lo stesso metodo utilizzato per Cinco Días, articoli de El País e de Il Sole 24 Ore.

La comparazione tra il linguaggio degli articoli de El País e degli articoli di Cinco Días ha permesso di determinare il seguente confronto lessicale:

Confronto lessicale

Inoltre, se i tecnicismi negli articoli de El País costituiscono una percentuale limitata, lo 0.05%, in Cinco Días arrivano a un rappresentativo 10.98%.


Per quanto riguarda l'analisi sintattica, il confronto tra il linguaggio dei due quotidiani ha consentito di individuare la seguente comparazione delle proposizioni delle frasi complesse:

Confronto tipo di relazione fra le proposizioni

L'uso leggermente più elevato della paratassi in Cinco Días dimostra una maggiore tendenza alla semplicità del periodo.

Dal seguente grafico emerge il differente uso delle subordinate nei due quotidiani:

Confronto ipotassi



IL CONFRONTO CON IL LINGUAGGIO GIORNALISTICO ECONOMICO ITALIANO


Il parallelo tra il linguaggio degli articoli de Il Sole 24 Ore e degli articoli di Cinco Días ha permesso di determinare il seguente confronto lessicale:

Confronto lessicale



Cinco días



Il Sole 24 Ore

I tecnicismi negli articoli de Il Sole 24 Ore costituiscono una percentuale più elevata, il 15.25%, mentre in Cinco Días arrivano al 10.98%.

Il confronto tra il linguaggio giornalistico economico italiano e spagnolo ha permesso di determinare la seguente comparazione delle proposizioni delle frasi complesse:

Confronto tipo di relazione fra le proposizioni



Cinco días



Il Sole 24 Ore

L'uso leggermente più elevato della paratassi negli articoli economici italiani dimostra una maggiore tendenza alla semplicità del periodo.

Ecco come le diverse subordinate sono utilizzate nei due quotidiani:


Confronto ipotassi

In conclusione, la ricerca ha permesso di stabilire caratteristiche lessicali e sintattiche di tipo quantitativo, fornendo dati tangibili per una rappresentazione più esauriente del linguaggio dell'informazione economica: un linguaggio semplice, ma che allo stesso tempo comprende figure retoriche, neologismi e parole straniere e di cui i tecnicismi sono una componente decisamente rappresentativa.

Dal punto di vista sintattico abbiamo verificato e confermato le affermazioni di Barber[8] sulla complessità del periodo: anche nel caso di Cinco Días le frasi contengono in media 27.6 parole; la nostra analisi, inoltre, è concordante sull'uso dei tempi verbali, il più utilizzato è, infatti, il presente indicativo ed è alta la percentuale delle forme verbali impersonali, nonostante in Cinco Días compaiano in forma minore rispetto ai valori corrispondenti riferiti dallo studioso inglese.

Per quanto riguarda la ricerca sui campi semantici, dato il genere degli articoli analizzati, non è stata una sorpresa riscontrare una grande quantità di aggettivi e verbi legati al mondo dell'economia e dell'informatica, ormai sempre più in connessione fra loro. Curioso, invece, il rilevamento della frequenza dell'aggettivo terrorista, contato per più di 10 volte, che fa sorgere un interrogativo, possibile punto di partenza di una nuova ricerca: è stata la storia, con gli avvenimenti dell'11 settembre 2001, ad aver prodotto indirettamente questo dato?

Successivamente, il confronto con il linguaggio giornalistico di carattere generale ha permesso di rilevare una diversa utilizzazione delle forme verbali: se negli articoli di Cinco Días è più frequente il presente indicativo, nei testi de El País sono più numerosi i tempi passati, le forme del congiuntivo e quelle impersonali.
Dal punto di vista sintattico la preferenza più marcata in Cinco Días per l'uso della paratassi dimostra una maggiore tendenza alla semplicità del periodo.

Inoltre, si è rivelato molto interessante il parallelo con il linguaggio dell'informazione economica italiana: gli articoli de Il Sole 24 Ore sono notevolmente più brevi e contengono più tecnicismi.
Un'altra differenza risiede nel diverso uso dei verbi, con la maggior frequenza del presente indicativo e la contemporanea, assoluta assenza del passato remoto nei testi italiani.
Infine, gli articoli de Il Sole 24 Ore sono strutturati in maniera notevolmente meno complicata, con un numero superiore di frasi semplici e un ricorso alla paratassi più elevato che in Cinco Días.




Note


[1]  L'eccedenza dell'1.77% è dovuta alla presenza di alcune parole in più categorie:ad esempio EE UU fa parte sia delle sigle, sia dei nomi di luogo.

[2] Le entrate in corsivo sono participi passati in funzione aggettivale.

[3] Le entrate in corsivo si riferiscono ad avverbi presenti in più categorie.

[4] I nomi propri ricorrono più spesso nel linguaggio de El País: rappresentano il 3.28% contro l'1.27% di Cinco Días.

[5] Negli articoli economici il presente indicativo è usato più frequentemente (rappresenta il 39.89% del totale delle forme verbali, contro il 22.57% de El País). Per quanto riguarda i passati, le percentuali sono più alte nel linguaggio giornalistico comune, ma in entrambi i casi il più ricorrente è il pretérito indefinido, seguito dal pretérito perfecto, poi dall'imperfecto e infine dal pluscuamperfecto.

[6] Se nel linguaggio giornalistico economico italiano le componenti nominali rappresentano il 42.88% del lessico totale, nel linguaggio economico spagnolo la percentuale è inferiore: 37.79%.

[7] Il presente indicativo è usato più frequentemente negli articoli economici italiani: rappresenta il 51.41% del totale delle forme verbali, contro il 39.89% del corrispondente spagnolo. Per quanto riguarda i passati, le percentuali sono più alte nel linguaggio giornalistico economico spagnolo, con una macroscopica differenza nell'uso del passato remoto/pretérito indefinido: esso, infatti, non compare negli articoli italiani. Il campione analizzato di articoli economici italiani è inferiore al campione spagnolo, ma la spiegazione di questo fenomeno potrebbe risiedere nella tendenza della lingua italiana a sostituire le forme del passato remoto con quelle del passato prossimo, tendenza ancor più accentuata, e consolidata, nell'italiano settentrionale: non a caso Il Sole 24 Ore è una testata giornalistica milanese.

[8] Barber, C.L., Some Measurable Characteristics of Modern Scientific Prose, in Gothenburg Studies in English, 14, 1962, pp. 21-43; ristampato in Swales, J., 1985, pp. 3-14.






— per citare questo articolo:

Artifara, n. 2, (gennaio - giugno 2003), sezione Scholastica, http://www.artifara.com/rivista3/testi/lesgram.asp


© Artifara

ISSN: 1594-378X


Inizio pagina